Segnalazione: “Ape bianca”, di Valentina Villani.

Hello #readers! Oggi vi segnalerò un libro che ci sussurra il dolore di una ragazza che perde prematuramente un genitore. Un dolore che nulla al mondo può colmare. Solitudine, tristezza e nostalgia sono lo stelo di questo bellissimo fiore, ma ogni bellezza ha il suo prezzo.

Una copertina dalle sfumature acromatiche, semplice si, ma è proprio la sua semplicità ad attirare i nostri occhi verso il romanzo.
E voi cosa ne pensate di questa copertina aromatica?

Titolo: Ape bianca
Autrice: Valentina Villani.
Casa Editrice: Adiaphora Edizioni.
Uscita: 10/06/2019.
Genere: Memoir.
Pagine: 148.

Dolore, assenza, ricordo, conflitto: nel suo libro la Villani trascina con sé il lettore nella tormentata e paralizzante esperienza della perdita precoce di un genitore. Chi la vive subisce una crudele disconnessione da una parte profonda di sé, tanto che pensieri ed emozioni paiono precipitare in un vortice sinuoso e inesorabile come l’interno di una conchiglia.
E, quando il rapporto tra madre e figlia si rivela complesso, intricato, conflittuale, eppure intimamente profondo, quell’assenza si manifesta in tutta la sua brutalità dilatandosi in un atroce senso di irrisolutezza.
La nascita di un figlio durante la malattia fatale della madre conduce l’autrice in un luogo sospeso tra vita e morte, un regno di opposti dominato da un’atmosfera onirica. Le sue parole rievocano la faticosa esplorazione di sé alla ricerca di quell’assenza, di quella madre prima presente ma distante, affettuosa eppure eclissante, e delle sue reliquie ora spezzate e pungenti.
L’analisi introspettiva del ricordo diventa, così, evento di riconciliazione tra passato e presente, ombra e luce, assenza e presenza, un viaggio nel tempo e nell’amore, “un canto straziante ricolmo di poesia”, come lo definisce lo scrittore Paolo Valentino, che esorcizza la morte

Una trama che coinvolge ogni lettore
a leggerla accuratamente con un interesse immenso, non c’è persona al mondo che non abbia provato dolore almeno una volta nella vita. Ma la nostra protagonista si ritrova il cuore insidiato dal dolore. Come riuscirà a ritrovare un po’ di felicità e sollievo al suo animo ferito?

Siete curiosi di sapere chi è Valentina Villani? Ed ecco il vostro desiderio esaudito.

Nata a Roma, dove vive e lavora come psicologa e psicoterapeuta, Valentina Villani coltiva la passione per la fotografia e la sceglie come mezzo per raccontare storie di vita, di dolore, intime sensazioni e denuncia sociale. Ha partecipato a diversi concorsi e organizza mostre fotografiche. Nel 2015 vince il concorso nazionale bandito dall’associazione Il filo di Eloisa, per la valorizzazione del pensiero e della creatività femminili, con un progetto di cinque foto e relativi testi. Il progetto è stato pubblicato nel volume “Lo spazio consapevole” (Iacobelli Editore).

La vostra Sara.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...