-Parole Scritte- “Lion, la strada verso casa”. Una storia vera di un bambino di 5 anni che affronta innumerabili peripezie.

Hi #readers! Questo pomeriggio vi presenterò un film Made in India, dove Dev Patel farà da giovane protagonista. Una storia vera e che travolge lo spettatore con i suoi forti sentimenti. E voi cosa fareste se vostro fratello o vostra sorella svanisse dal nulla in una stazione? Noi vedremo come Guddu riuscirà ad affrontare questa situazione.

Buona Lettura!

«Dovevo scoprire da dove venivo, anche solo per lasciarmi tutto alle spalle. Volevo rivedere il luogo che tante volte avevo sognato.»

Titolo Originale: Lion.
Paese: Australia, Stati Uniti, Gran Bretagna.
Anno: 2016.
Regia: Garth Davis.
Produzione: SEE-SAW FILMS, AQUARIUS FILMS, SUNSTAR Entertainment.
Durata: 129 minuti.
Interpreti: Dev Patel (Saroo),Nicole Kidman (Sue Brierley), John Brierley (David Wenham) e Abhishek Bharate (Guddu).
Genere: Drammatico/ Biografico.

Saroo ha cinque anni e vive con la mamma e i fratelli in un paesino del Khandwa, una regione dell’India centrale. Un giorno, per aiutare il fratello in uno dei tanti lavoretti con cui la poverissima famiglia si sostiene, finisce per sbaglio su un treno che lo porta a Calcutta, a milleseicento chilometri da casa. Lì si perde e per due anni è costretto a vivere prima per strada e poi in orfanotrofio. Fino al giorno in cui viene spedito in Australia, adottato da una ricca famiglia senza figli. Venti anni dopo, il passato rimosso riaffiora nella mente di Saroo, che decide di mettersi alla ricerca delle proprie origini…

Saroo è un bambino dolce e molto premuroso, esce sempre con il fratello per aiutarlo nei suoi lavoretti per dare sostegno alla madre. È un fanciullo forte e determinato, nonostante la loro povertà, sono una famiglia felice che vive di piccole cose. Ma quando una mattina andrà con il fratello in uno dei suoi tanti lavoretti, Saroo si addormenta in un treno e sarà lontano da casa per 25 anni, senza riuscire a ricordare la città da cui proviene. Ma un giorno nella sua mente rivedrà a piccole porzioni quella che è stata la sua vita precedente.

Dev Patel ha saputo incanalare in noi quell’immagine di un bambino perduto che non sa nulla del mondo che lo circonda, ci ha trasmesso la sua tristezza, nostalgia e la voglia incondizionabile di rivedere la sua così tanto amata famiglia.

Guddu è un fratello amorevole e gentile che fa sempre di tutto per la sua famiglia. È il padre e il fratello di Saroo allo stesso tempo, infatti è proprio lui ad accudire i due fratelli quando la madre sta via per lavoro. Vorrebbe il meglio per i suoi due fratelli più piccoli, appunto per questo lavora duramente per non fargli mancare nulla.

Sue e John Brierley sono due genitori bravissimi che saranno la nuova famiglia di Saroo, saranno sempre molto affabili con il loro piccolo e faranno in modo che non si senta mai solo o nel posto sbagliato. Sue sarà una madre ammirevole, per lei sarà il figlio che non ha mai avuto. Si dedicherà tantissimo alla sua felicità e a farlo diventare un uomo gentile e onesto.

Ma quando Saroo ricorderà i suoi veri famigliare, cosa ne sarà di lei e di John?

Dev Patel è un attore che possiede una immensa indole artistica, come chi ha già visto alcuni dei suoi film più conosciuti, saprete che interpreta molto il genere drammatico/biografico e risplende sempre nelle sue recitazioni. Nella sua filmografia troviamo: “The Millionaire”, “L’uomo che vide l’infinito” e “Hotel Mumbai”. Rappresentazioni di grande clamore, che hanno ammaliato il mondo.Io personalmente ho amato moltissimo “The Millionaire”, un film sbalorditivo e emozionante.

E voi quale delle sue rappresentazioni avete preferito?

Le interpretazioni degli artisti sono incantevoli, ognuno di loro ha raggiunto la parte più dolce del nostro cuore grazie al loro modo di esprimere i personaggi in cui inciampano, senza rendere il film mai pesante. La proiezione è una storia realmente accaduta piena di amore, ma lo stesso tempo anche molto triste. Ma sarà proprio questa sua venatura drammatica a renderla così stupenda e vera agli occhi della sua platea. Un racconto emozionante che vi incollerá alle spalle di quel piccolo bambino, a seguirne ogni passo, sguardo, come se fossimo incatenati a lui da qualche stregoneria.

Davis Garth è un regista molto abile, che però è stato autore di pochi film. Sono sicura che farà una notevole carriera poiché “Lion” è un copione straordinario che ha incassato nelle prime 9 settimane di programmazione 4 milioni di euro e 418 mila euro nel primo weekend. E possiede innumerevoli candidature ai premi più ambiti del Cinema.

“Maria Maddalena” è una delle pellicole che ha avuto l’onore di avere come regista il nostro Davis, Il film è incentrato sulla figura di Maria Maddalena, interpretata da Rooney Mara, che seguì Gesù di Nazareth, interpretato da Joaquin Phoenix. Ha incassato a livello internazionale più di 9 milioni di euro, 600 mila euro nei suoi primi quattro giorni di programmazione. Sarà un’opera che guarderò sicuramente con entusiasmo!

Le sceneggiature e i dialoghi sono minuziosamente sviluppati,non risultando al pubblico noiosi o di cattivo gusto. Il montaggio, le luci e i compiuti grafici sono predisposti sublimemente.
La scelta dei costumi è stata quella scintilla in più che ha reso il film molto realistico, soprattutto quando ci ritroveremo in mezzo ai “Sari” colorati.

Il Sari è un tradizionale indumento femminile del subcontinente indiano, le cui origini risalgono al 100 a.C., ed è intuibilmente uno dei pochissimi indumenti ad essere stati tramandati per così tanti secoli.

Un’opera strappalacrime che riepiloga la lunga strada di un bambino per ritrovare la sua amata famiglia e mostra al mondo ciò che un orfano possa passare se viene lasciato nelle crudeli mani dell’inganno umano. Un film che vi consiglio moltissimo se anche voi, come me amate il genere Drammatico/Biografico!

Curiosità:
Google ha collaborato alla produzione, e fornito l’accesso alle immagini satellitari necessarie per il film, mettendo a disposizione la versione di Google Earth usata da Saroo nelle sue ricerche, oltre a tutto il supporto tecnico necessario per le riprese. Sul canale YouTube di Google Maps puoi vedere il video che racconta in tre minuti la storia di Saroo.

L’attore Dev Patel ha dovuto lavorare molto sul proprio aspetto, per poter interpretare Saroo. Ha dovuto anche acquisire un accento australiano credibile, e ripercorrere il tragitto in treno che il nostro piccolo protagonista fece in India da bambino. Complessivamente la preparazione per il ruolo è durata otto mesi.

La vostra Sara.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...