-Parole scritte- His Last Gift

Parole scritte

Dopo tanto silenzio, sono tornata alla ribalta! Scusate l’assenza dovuta allo studio e alle lezioni che do. Oggi però non mi dilungherò troppo a parlare di me, perché voglio scoprire con voi questo film. 

HIS LAST GIFT

“Daddy.. I don't want to be sick anymore.”

Il film inizia con una festa di compleanno di una bambina Sae-hee, lei decise di vestirsi da Angelo, ma appena entra nella stanza per iniziare la festa, dalla sua bocca esce del sangue. In ospedale dissero al padre Young-Woo, che sua figlia per continua a vivere deve avere un trapianto di fegato e purtroppo per loro, l’unico candidato era un suo vecchio amico di scuola superiore Kang Tae-joo, che ora era in carcere a scontare una pena per un omicidio.

Il padre riesce a tirar fuori di prigione temporaneamente il suo ex compagno con la promessa che avrebbe aiutato la sua piccola Sae-hee.
Ma dopo la sua uscita dal carcere, il delittuoso non pensò altro che a sé stesso e provò più volte a fuggire, noncurante della vita di quella piccola bambina.

Quando alla fine Tae-joo scopre che la sua ex moglie incinta, che ha abbandonato dopo essere andato in prigione, è in realtà la moglie defunta di Young-woo, tutto è cambiato. Perché questo significa che Sae-hee è in realtà la figlia di Tae-joo! Lentamente le fitte di coscienza iniziano a perseguitarlo. Cerca di costruire una connessione con Sae-hee, ma
naturalmente questo non è ben accolto da Young-woo, che si considera il vero padre della ragazza, anche se è abbastanza consapevole della verità.
E così sono i ricordi su di Hae-young, che fa a pezzi i cuori dei due uomini. Young-Woo ha il peggio, dal momento che non è mai stato veramente amato da lei, nonostante tutte le cose che ha fatto per lei. Eppure, lei è eternamente grata a lui per averla aiutata a crescere sua figlia, e averla resa felice era anche tutto ciò che importava a Young-Woo. Ma i due sono d’accordo su una cosa: devono salvare la vita della figlia a qualsiasi costo.

  • Regista: Kim Yeong-joon.
  • Cho Su-min: Cho Sae-hee, la bambina.
  • Shin Hyung-joon: Kang Tae-joo, il criminale.
  • Huh Joon-ho: Young-Woo, il padre.

Il nome della bambina Cho Sae-hee, significa “Third family member”.

Il Young-Woo, un poliziotto onesto e rispettato da tutti, con un fardello molto più grande di lui, quello di salvare la sua piccola Sae-hee, l’unica persona che gli era rimasta al mondo. Un attore nobile, e abile che riuscirà a trasmetterci il forte amore che provava per sua moglie e la sua bambina. E anche il forte legame che aveva in passato con Tae-joo. Sae-hee, una bambina dolce e coraggiosa, riesce ad affrontare la malattie terminale in modo molto calmo e con il forte legame che la stringe alla vita e a suo padre che ama moltissimo.

Tae-joo, un’ uomo che risulta inizialmente insensibile e egoista, ma le apparenze sono ben diverse dalla realtà. Con il merito della scenografia sorprendente, ci renderemo conto che lui in realtà è molto gentile e altruista, si ritroverà a fare qualsiasi cosa pur di aiutare Sae-hee.
Kim Yeong-joon, un regista estroso e maestoso, ottenne un risultato sconcertante, ossia quello di raggiungere i nostri cuori, resi fragili dal racconto dietro il film e dalle interpretazioni teatrali di tutti i suoi protagonisti.

Il film riesce effettivamente a raggiungere il suo obiettivo di portare il pubblico in lacrime,soprattutto nelle sue ultime scene, dove ci sconvolge il subconscio grazie alle emozioni forti e improvvise del lungometraggio. La tristezza e la paura non mancano mai nella sua intera durata e nonostante ciò il film appare sempre molto sincero e non melenso.

La sofferenza intensa che lo spettatore deve sopportare diventa sempre più grande, e nonostante tutte le lacrime versate, c’è ancora qualcosa di straziante, che possiamo tenere per noi quando il film è finito. Guardare i due padri lottare per la vita di loro figlia, sfidando tutte le circostanze e le emozioni negative l’uno verso l’altro, essendo collegati dallo stesso amore, è un’esperienza cinematografica commovente e gratificante.

Un film emozionante e incantevole, lo consiglio a chiunque ami il genere drammatico che raggiunga i nostri piccoli e indifesi animi.

E voi cosa ne pensate del film? Lo vedreste?

La vostra Sara

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...